Loading...
it

Forum

Per Mario

Mirko Fambrini » Gennaio 9

Ciao Mario, non ti preoccupare la mia non vuol essere una dichiarazione di amore :) ma vorrei soltanto esprimere due considerazioni sul perchè, tendenzialmente non gradisco, a differenza di critiche ben feroci, rielaborazioni sui miei scatti.

Spero che quanto motivi non urti nessuno, dal momento che porto il pieno rispetto di diverse opinioni e consapevole di essere in netta minoranza.

Una rielaborazione di una foto presuppone spesso, ma non sempre, una revisione dei principali parametri di un programma di post-produzione. 

I programmi di post possono essere diversi e ciascuno ha adottato e adotta quello che ritiene più opportuno considerando diversi fattori, tra cui tipo scatto (jpeg o rav, genere più praticato, capacità deegli strumenti per velocità e spazi di elaborazione ed archiviazione, e cosi via).

Normalmente chi riprende un file per rielaborarlo è dotato di una buona capacità e conoscenza della post e dei migliori strumenti a disposizione.

Io non lo ho e nemmeno mi interessa averli, dal momento che per quello che pratico mi ritengo ampiamente soddisfatto ed inoltre è il miglior compromesso, per me, tra i fattori che ho menzionato.

Al momento che un utente prende una mia foto ed usa uno strumento che io non conosco ne so usare per "migliorare" la foto, che tipo di miglioramento posso trarre? Avrei bisogno non del risultato finale (per lo più da basi a bassa risoluzione peraltro con maggior difficoltà per il post-producer) ma di lezioni sul programma per capirne passaggi, funzionamento, opportunità. In altre parole di un corso adeguato ed impostato sul programma. Quando si mostra il risultato finale non si ha comunque la comprensione di come si possa giungere a quel risultato.

L'obiezione comune è di dire che alcuni interventi sono abbastanza semplici ed intuitivi o che ad esempio riguardano un taglio o formato diverso. Ma allora in questo caso è altrettanto semplice descrivere in due righe quello che poi si mette in pratica.

Io scatto in jpeg, uso un programmino free abbastanza intuitivo, poichè mi è pratico per lavorazione, archiviazione, uso e tempo a disposizione. Per quello che pratico, ripeto sono ampiamente soddisfatto. Anche se può capitare talvolta una occasione per la quale un salto di qualità della post sarebbe opportuno, non compensarà mai i benefici di un uso semplice e veloce del resto. Almeno per me. Per gli altri ciascuno valuti. 

A parte la componente "affettiva" (le foto sò pezzo o' core) è senz'altro quella pratica che non condivido come finalità didattica (se la vogliamo chiamare cosi).

Non la faccio troppo lunga, andando oltre.

Se però vuoi puoi ospitarmi una settimana a Roma, con vitto ed alloggio compresi in luogo a mia scelta, e dedicarmi almeno cinque ore al giorno per illustrarmi tutte le funzioni di un programma che decidi di regalarmi, oltre a cambiarmi PC adeguato e.. monitor opzionale già che ci siamo. Forse potrei cambiare idea.. ;)

Magari un domani la cambierò anche, ma ti assicuro che prima ho priorità su altri oggetti, tipo lenti e camera oscura per esempio..

 

In fin dei conti, fotograficamente come età anagrifica, ho solo circa quattro anni e vado ancora all'asilo. :)

Un saluto.

Mirko Fambrini
post: 95
entrato: Gennaio 25 '17
contatto:

Risposta a: Per Mario

Mario Vani » Gennaio 19

Ciao Mirko, scusa se ti rispondo solo ora ma è solo per caso che mi sono accorto di questo tuo post! La prossima volta linkami con un messaggio o in altro modo. 

Grazie per la tua risposta. Legittime anche le tue osservazioni...

 

Se vieni a Roma non ti ospito, ma un caffè ce lo prenidamo sicuramente ! 

;)

Mario

 

Mario Vani
post: 76
entrato: Gennaio 25 '17
contatto:

Risposta a: Per Mario

Adolfo Fabbri » Gennaio 20

Carissimo Mirko Fambrini, concittadino mio.

Non sai quanto ti capisco e quanto so che può bruciare vedersi prendere una fotografia e vederla "aggiustata" (o martorizzata...) da altri che non erano neppure presenti al momento dello scatto.

C'è una cosa però che devo ricordare...

Ovvero lo spirito col quale si modifica una fotografia degli altri.

MaxArtis nacque infatti per essere un sito didattico e non solo di vetrina. Modificare una fotografia altrui, non significa avere più esperienza in termini di elaborazione, o avere un miglior programma di fotoritocco. Significa mettere una propria idea o una propria correzione di un presunto errore, al servizio di tutti coloro che andranno a vedere la famigerata modifica. Molte volte ho preso sd esempio degli spunti attraverso le modifiche, (anche a foto di altri) che mi sono serviti; quindi sono serviti sicuramente anche agli altri.

Se io faccio una modifica ad una tua fotografia, non significa che io voglio dimostrare di essere più bravo di te, e che ho assolutamente migliorato il tuo scatto; può invece significare che posso averlo pure peggiorato, ma che potrei però aver dato delle dritte utili per altre situazioni simili.

Quella iniziativa fu apprezzata in passato, ma non pensare di essere in così forte minoranza.

Ripeto che ti capisco, ma capisco anche le esigenze di chi viene da noi, e vuole imparare anche attraverso esempi espliciti come quelli di cui stiamo parlando.

Forse sarebbe carino riservare uno spazio sul forum per chi vuole farsi modificare qualche foto, per avere magari idee diverse in termini di composizione, taglio, esposizione, ecc.... Ad esempio potremmo creare un gruppo come altri che vi sono già, dove si chiede esplicitamente di modificare una nostra fotografia, dopo averla pubblicata all'interno del gruppo stesso.

Non so' se questa iniziativa avrebbe successo, e in tal caso... improvvisamente ti potresti sentire in forte maggioranza! laughingsmile

Un saluto a tutti

Adolfo

 

 

Adolfo Fabbri
post: 139
entrato: Gennaio 21 '17
contatto:

Risposta a: Per Mario

Glauco Guaitoli » Gennaio 20

Ciao Mirko e @Tutti.

Non mi cimento molto con le "modifiche" alle immagini altrui: anche i miei mezzi e modi di post sono ampiamente obsoleti, e non potrei certo - ammesso che ne avessi la capacità - insegnare alcunché ad alcuno.
Oltre al fatto che una modifica presuppone spesso una diversa interpretazione dello scatto, condizionata dal mio gusto e dalla mia capacità, ed inficiata dal fatto di non avere percepito - in prima persona - l'atmosfera del luogo o evento ripreso.
Molte volte, però, lo faccio "in incognito": vedo magari una immagine interessante scattata e processata da altri: una immagine che avrei avuto piacere di realizzare io stesso, senza averne avuto la possibilità. Ed ecco che provo a riprocessarla, per imparare io (e non insegnare all'autore) come avrei operato su un tale scatto in base al mio gusto, la mia esperienza, la mia interpretazione: serve a migliorare la mia capacità (se possibile), e non quella dell'autore della foto.
Ovviamente, il risultato dei miei pasticci non lo pubblico, e lo vedo solo io.
Capisco ed accetto la tua posizione, di cui hai chiaramente spiegato i motivi, rispettandola pur non condividendola per quanto riguarda le "proposte" (suggerimenti sia verbali, che esemplificati de facto) ai miei scatti (ho mezzi limitati, ma proprio per questo ho bisogno di crescere, ed ampio margine per farlo).
Apprezzo comunque il confronto di idee, sensibilità e modi di sentire diversi: non ho mai imparato nulla di nuovo da chi la pensa esattamente come me.
E' bello confrontarsi con tutti, nel rispetto delle singole individualità.

Glauco Guaitoli
post: 19
entrato: Febbraio 10 '17
contatto:

Risposta a: Per Mario

Mirko Fambrini » Gennaio 21

Ciao a tutti. Mario non ti preoccupare, prima o poi avresti visto.. :) Adolfo probabilmente non vi è bisogno di spazi appositi, in fin dei conti sono solo io lo scorbutico in questi casi.. Un saluto a tutti.

 

Mirko Fambrini
post: 95
entrato: Gennaio 25 '17
contatto:

Risposta a: Per Mario

Adolfo Fabbri » Gennaio 22

Mirko, non sei un caso isolato, ve ne sono tanti altri che la pensano come te, però non lo dicono... laughing

Adolfo Fabbri
post: 139
entrato: Gennaio 21 '17
contatto:

Risposta a: Per Mario

Glauco Guaitoli » Gennaio 22

Adolfo, probabilmente quanto affermi è vero, e cioè che altri, oltre a Mirko (che lo dichiara apertamente), non gradiscono interventi sulle proprie immagini, e magari non lo esplicitano.
Come già detto, ne rispetto la volontà, a prescindere dalla mia personale condivisione.
Reputo viceversa molto interessante sul piano didattico l'idea che hai formulato: un gruppo in cui chi si iscrive accetta (e chiede) esplicitamente che i propri scatti pubblicati all'interno di quel gruppo vengano "interpretati" ed elaborati in modi alternativi, al fine di espandere la propria capacità di vedere con occhio diverso dal proprio.
Se venisse istituito...  eccomi, c'è già il primo iscritto!  smile

Glauco Guaitoli
post: 19
entrato: Febbraio 10 '17
contatto:

Risposta a: Per Mario

Adolfo Fabbri » Gennaio 23

Sentirò Massimo Fagni se si può fare qualcosa di diverso per accedere con un solo clic,  e senza mettersi a cercare le cose. Lui è il tecnico... Se sono incoraggiato dalle partecipazioni come la tua, lo faccio ben volentieri...

Ciao e grazie, caro Glauco!

Adolfo

Adolfo Fabbri
post: 139
entrato: Gennaio 21 '17
contatto: