Loading...
it

Pietro Collini

Blog

Foto Album

Condividi

Newsfeed

  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha caricato 1 nuove foto nell'album STREET
    LA GIOIA DI VIVERE
    Alessandro Cucchiero
    Alessandro Cucchiero Questa foto mi mette allegria. Mi fa star bene. Non bisognerebbe commentare così le foto? Pazienza... :neutral_face: :wave:
    Piace · Risposta · 0 piace questo · 6 ore fa
    repliche _INVALID_TS_
    Ivan Catellani
    Ivan Catellani ...Alessandro ha perfettamente ragione, commentarla con la freddezza dei canoni tecnici significherebbe privarla del suo contenuto comunicativo, ovvero LA GIOIA DI VIVERE. E' proprio questo che trasmette alla grande!!! Mi piace, complimenti, uno scatto da vera street! Un saluto. Ivan...Alessandro ha perfettamente ragione, commentarla con la freddezza dei canoni tecnici significherebbe privarla del suo contenuto comunicativo, ovvero LA GIOIA DI VIVERE. E' proprio questo che trasme...Vedi altro
    Piace · Risposta · 0 piace questo · 4 minuti fa
    repliche _INVALID_TS_
    è necessario connettersi per commentare
  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha caricato 1 nuove foto nell'album RITRATTI
    PROFILO
    Tiziano Banci
    Tiziano Banci AScatto molto di "carattere" e perfettamnte nel tuo stile. Ciao, Tiziano 
    Piace · Risposta · 0 piace questo · 6 ore fa
    repliche _INVALID_TS_
    è necessario connettersi per commentare
  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha caricato 1 nuove foto nell'album CITY
    PROCESSIONE
    Mario Vani
    Mario Vani Buongiorno Pietro, statue restituite ai nostri occhi con un pathos tale da renderle vive. Le donne in preghiera, con una postura mesta, sfilano accanto all'uomo dall'aspetto più laico. Un contrasto che salta subito all'occhio di chi osserva. Il luogo è sconosciuto ed anche l'opera scultorea (almeno a me). L'inquadratura scelta è volta a decontestualizzare il soggetto portando l'attenzione sulle statue e sul momento di preghiera. Un bn notevole completa questa buona immagine. Ciao, MarioBuongiorno Pietro, statue restituite ai nostri occhi con un pathos tale da renderle vive. Le donne in preghiera, con una postura mesta, sfilano accanto all'uomo dall'aspetto più laico. Un contrasto ch...Vedi altro
    Piace · Risposta · 1 piace questo · Gennaio 22
    repliche _INVALID_TS_
    Danilo Moschetti
    Danilo Moschetti Buonasera Pietro. Mi associo ai commenti resi fin qui. Uno scatto dai toni sublimi e soggetti quasi reali.
    Piace · Risposta · 1 piace questo · Gennaio 22
    repliche _INVALID_TS_
    marco deriu
    marco deriu ciao Pietro, ho dovuto "isolarlo" il tuo scatto e osservarlo con molta attenzione, a tratti sembra un dipinto, sono attratto dalle sfumature  e dai soggetti, la luce stupenda che accarezza i soggetti e li rende vivi, surreale ma di grande effetto.  ciao Marcociao Pietro, ho dovuto "isolarlo" il tuo scatto e osservarlo con molta attenzione, a tratti sembra un dipinto, sono attratto dalle sfumature  e dai soggetti, la luce stupenda che accarezza i...Vedi altro
    Piace · Risposta · 1 piace questo · Ieri, 21:18
    repliche _INVALID_TS_
    è necessario connettersi per commentare
  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha caricato 1 nuove foto nell'album LANDSCAPES
    VIENNA
    è necessario connettersi per commentare
  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha caricato 1 nuove foto nell'album LANDSCAPES
    VERSO MONUMENT VALLEY
    roberto lanza
    roberto lanza un buon b\n in un paesaggio che a mio modo di vedere non offre spunti interessanti su cui soffermarsi. ro
    Piace · Risposta · 1 piace questo · Gennaio 21
    repliche _INVALID_TS_
    roberto canepa
    roberto canepa ciao Pietro, certamente una piacevole foto in b/n, probabilmente suggerito dal cielo nuvoloso. Non sono mai (ancora) stato in quei luoghi, ma dalle fotografie ho visto che le rocce sono di un color ocra chiaro; allora mi chiedevo se non avrebbero fatto altrettanto bella resa sia questa (sia a maggior ragione la precedente, pur potente in b/n) a colori. Cheddici? robyciao Pietro, certamente una piacevole foto in b/n, probabilmente suggerito dal cielo nuvoloso. Non sono mai (ancora) stato in quei luoghi, ma dalle fotografie ho visto che le rocce sono di un color oc...Vedi altro
    Piace · Risposta · 0 piace questo · Gennaio 21
    repliche _INVALID_TS_
    è necessario connettersi per commentare
  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha caricato 1 nuove foto nell'album TANTHOS
    EXHALE
    Tiziano Banci
    Tiziano Banci Vista l'età del soggetto la foto potrebbe fa supporre all'ultimo fiato prima di spirare. Foto senza fronzoli e molto d'impatto come sempre nel tuo stile e sul tuo genere. Ciao, Tiziano 
    Piace · Risposta · 1 piace questo · Gennaio 20
    repliche _INVALID_TS_
    è necessario connettersi per commentare
  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha caricato 2 nuove foto nell' album LANDSCAPES
  • Pietro Collini
    Pietro Collini commentata la foto del contest di Adolfo Fabbri
    IL REPORTAGE
    IL REPORTAGE
    CARISSIMI TUTTIRIPARTE DA ZERO IL CONTEST "IL REPORTAGE"Non mi resta che incollare la vecchia presentazione. Il disguido che aveva portato alla cancellazione di tutto il contest, non ci ha consentito ...
    Totale utenti: 13
    Adolfo Fabbri
    Michela Favaro
    roberto lanza
    Mario Vani
    Enrico Maniscalco
    Enrico Maniscalco
    Enrico Maniscalco Due grandi occhi al centro, che sembrano due fari che tagliano la notte. 
    Un bambino di colore, che indossa una specie di piccolo camice chiaro, e posa le braccia conserte su un ripiano, come una tavola o un banco. Il camice è pulito, ordinato, perfino con una certa eleganza in quei risvolti neri delle maniche.
    Il bambino ha i capelli cortissimi, quasi rasati; le orecchie un po' a sventola. 
    Fissa l'obiettivo: lo sguardo è di un'intensità straordinaria. 
    Lo sfondo è in buona parte nell'ombra più profonda, e per l'altra è sfocato, poco decifrabile. Forse un'altra tavola, o un altro banco, su cui poggiano forme indefinite.
    Questo è ciò che "oggettivamente" vedo in questa foto, e da cui, pur con tutta la buona volontà, non riesco a leggere racconti di situazioni di disagio in paesi poveri. A meno di non volerlo fare con l'immaginazione, o di  volerlo supporre. A meno di non voler sostituire l'oggettivo col soggettivo, operazione che però non ha nulla a che vedere col reportage.

    Sulla tua seconda foto (che non ho commentato), non mi sono soffermato, né mi soffermo ora; ma si tratta di una foto a sé stante. Perché il contest prevede solo foto a sé stanti, e che come tali, ovvero come foto singole, vanno valutate.

    Fin qui, Pietro, sui contenuti.
    Contenuti che nel mio commento ho voluto trattare anche con un po' di ironia, ma per ragionare non tanto della foto in sé - che peraltro resta una foto eccellente - bensì del nostro modo inconscio (e quindi soggettivo) di valutare e pesare certe immagini: argomento, credo, che poteva costituire le basi per una discussione allargata, prendendo spunto da qui.
    E c'era dell'ironia anche nella mia battuta finale, quella dell'ipotesi della "provocazione". Era una battuta che nasceva "a valle" delle considerazioni precedenti, come conseguenza. E comunque pur sempre una battuta. Nessuna dietrologia, quindi. Nessun preconcetto.
    Pensa che ero addirittura convinto che l'idea ti avrebbe pure fatto divertire. Forse perché ero convinto che anche tu ci avresti messo dell'ironia.

    Mi spiace invece rilevare, nella tua risposta - oltre a deboli argomentazioni sul contenuto - un tono, uno stile oltremodo irridente - per usare un termine gentile - che francamente non aiuta. Perché pensala come vuoi, ma è uno stile che non credo possa stimolare coloro che ci leggono a un eventuale confronto con te (figurati poi sotto questa foto). A meno che non sia proprio quello che cerchi.

    Enrico
    Due grandi occhi al centro, che sembrano due fari che tagliano la notte. 
    Un bambino di colore, che indossa una specie di piccolo camice chiaro, e posa le braccia conserte su un ripiano, come u...Vedi altro
    Piace · Risposta · 0 piace questo · Gennaio 1
    repliche _INVALID_TS_
    Pietro Collini
    Pietro Collini Ribadisco, caro Enrico, basta osservare. Vedresti bene che lo sfondo è caratterizzato dalla presenza di altri bambini seduti al banco. Basta osservare, ma non c’è peggior cieco di chi non vuole vedere. Poi quanto a deboli argomentazioni, lascio ad altri giudicare la tua dietrologia tanto insensata, quanto sciocca circa presunte provocazioni. Se non vuoi, o non riesci a fare una lettura corretta di una fotografia, non è un dramma... CiaoRibadisco, caro Enrico, basta osservare. Vedresti bene che lo sfondo è caratterizzato dalla presenza di altri bambini seduti al banco. Basta osservare, ma non c’è peggior cieco di chi non vuole vedere...Vedi altro
    Corretto Gennaio 1 Elenca storia correzioni
    Piace · Risposta · 0 piace questo · Gennaio 1
    repliche _INVALID_TS_
    Adolfo Fabbri
    Adolfo Fabbri Il filo che separa il confronto dalla polemica, è sempre molto sottile; ogni tanto  ne andrebbe controllata la sua integrità . Quando questo filo si rompe, va a farsi friggere il confronto, e si precipita nella polemica, con la conseguente perdita dei toni pacati e rasserenanti. Il filo di questo dialogo non si è ancora strappato, ma sicuramente merita un accurato controllo, in quanto mi pare presenti qualche sfliacciatura abbastanza evidente. Un rimedio sicuro sarebbe quello di continuare privatamente la discussione, oppure (lo suggerisco) finirla qui. Unica cosa che un po' mi rode, è che avremmo potuto cominciare un tantino meglio, il primo giorno dell'anno. Comunque... ancora auguri a tutti! AdolfoIl filo che separa il confronto dalla polemica, è sempre molto sottile; ogni tanto  ne andrebbe controllata la sua integrità . Quando questo filo si rompe, va a farsi friggere il confronto, e si preci...Vedi altro
    Piace · Risposta · 3 piace questo · Gennaio 2
    repliche _INVALID_TS_
    è necessario connettersi per commentare
  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha inserito una nuova foto per il contest
    SERIAMENTE A SCUOLA
    Enrico Maniscalco
    Enrico Maniscalco Caro Pietro,
    a dirla tutta, non penso che questa si possa considerare una foto di reportage. In realtà si tratta semplicemente di un ritratto. Eccellente, di forte impatto emotivo, ma pur sempre e soltanto un ritratto.
    Perché se già è difficile poter collocare un singolo scatto nella categoria del reportage – che invece di solito riguarda una narrazione documentale articolata su più immagini – qui, in questa foto, quella narrazione manca del tutto.
    Non si intravede nessun contesto che sia sufficientemente definito: che si tratti di una scuola sei tu a riferircelo, nel titolo. Né sappiamo dove ci si trovi (omissione insolita per un reportage): la foto potrebbe quindi essere stata scattata tanto in Burundi, quanto in Brianza, come nel Michigan, oppure in Sicilia.
    Per certi versi è quindi anche un po' buffo, se nonostante tutto - assenza di luogo e di contesto - una buona parte di noi l'abbia comunque ritenuta una foto di reportage. Ma ciò è potuto accadere perché, oltre a indurci tu nell'errore (postandola nel contest), è proprio la foto di un bambino di colore a condurre la nostra fantasia verso chissà quali lidi lontani, e verso chissà quali storie. E quindi a portarci a ritenerla "intrinsecamente" reportage, così, in automatico, come per una sorta di fattore psicologico.
    Proviamo infatti a immaginare: se tu avessi scattato la stessa foto, la stessa identica foto, a un bambino dalla pelle chiara, avresti forse ricevuto lo stesso consenso? Io credo che in quel caso, venendo a mancare il fattore psicologico inconscio, l'osservatore avrebbe invece visto solo il ritratto, senza esitazioni, e la domanda se la sarebbe infine posta: ma qui, il reportage che mai c'azzecca?
    Caro Pietro, da grande reporter quale tu sei, so che nei tuoi archivi avresti facilmente potuto attingere a centinaia di altre immagini altrettanto potenti, ma più in tema.
    Ecco perché, in conclusione, ho quasi il sospetto che anche questa sia una delle tue argute, finissime provocazioni. :-)
    O no?
    Sempre con grande stima
    Buon anno
    Enrico
    Caro Pietro,
    a dirla tutta, non penso che questa si possa considerare una foto di reportage. In realtà si tratta semplicemente di un ritratto. Eccellente, di forte impatto emotivo, ma pur sempr...Vedi altro
    Piace · Risposta · 0 piace questo · Dicembre 31 '19
    repliche _INVALID_TS_
    Pietro Collini
    Pietro Collini Carissimo Enrico, ma le fotografie le guardi bene o solo un'occhiata rapida e superficiale? In entrambe vi è non solo una contestualizzazione evidente, ma anche un preciso racconto. Racconto di situazioni di disagio in paesi poveri. Se guardi bene in quella del bimbo a scuola, si vede bene che dietro di lui vi sono altri bambini, su banchi ben diversi da quelli di una scuola della Brianza... Le foto vanno lette sempre con attenzione e non con dietrologie prive di significato e di buonsenso. Buon anno a te e a tutti. PietroCarissimo Enrico, ma le fotografie le guardi bene o solo un'occhiata rapida e superficiale? In entrambe vi è non solo una contestualizzazione evidente, ma anche un preciso racconto. Racconto di situaz...Vedi altro
    Piace · Risposta · 0 piace questo · Gennaio 1
    repliche _INVALID_TS_
    Enrico Maniscalco
    Enrico Maniscalco Due grandi occhi al centro, che sembrano due fari che tagliano la notte. 
    Un bambino di colore, che indossa una specie di piccolo camice chiaro, e posa le braccia conserte su un ripiano, come una tavola o un banco. Il camice è pulito, ordinato, perfino con una certa eleganza in quei risvolti neri delle maniche.
    Il bambino ha i capelli cortissimi, quasi rasati; le orecchie un po' a sventola. 
    Fissa l'obiettivo: lo sguardo è di un'intensità straordinaria. 
    Lo sfondo è in buona parte nell'ombra più profonda, e per l'altra è sfocato, poco decifrabile. Forse un'altra tavola, o un altro banco, su cui poggiano forme indefinite.
    Questo è ciò che "oggettivamente" vedo in questa foto, e da cui, pur con tutta la buona volontà, non riesco a leggere racconti di situazioni di disagio in paesi poveri. A meno di non volerlo fare con l'immaginazione, o di  volerlo supporre. A meno di non voler sostituire l'oggettivo col soggettivo, operazione che però non ha nulla a che vedere col reportage.

    Sulla tua seconda foto (che non ho commentato), non mi sono soffermato, né mi soffermo ora; ma si tratta di una foto a sé stante. Perché il contest prevede solo foto a sé stanti, e che come tali, ovvero come foto singole, vanno valutate.

    Fin qui, Pietro, sui contenuti.
    Contenuti che nel mio commento ho voluto trattare anche con un po' di ironia, ma per ragionare non tanto della foto in sé - che peraltro resta una foto eccellente - bensì del nostro modo inconscio (e quindi soggettivo) di valutare e pesare certe immagini: argomento, credo, che poteva costituire le basi per una discussione allargata, prendendo spunto da qui.
    E c'era dell'ironia anche nella mia battuta finale, quella dell'ipotesi della "provocazione". Era una battuta che nasceva "a valle" delle considerazioni precedenti, come conseguenza. E comunque pur sempre una battuta. Nessuna dietrologia, quindi. Nessun preconcetto.
    Pensa che ero addirittura convinto che l'idea ti avrebbe pure fatto divertire. Forse perché ero convinto che anche tu ci avresti messo dell'ironia.

    Mi spiace invece rilevare, nella tua risposta - oltre a deboli argomentazioni sul contenuto - un tono, uno stile oltremodo irridente - per usare un termine gentile - che francamente non aiuta. Perché pensala come vuoi, ma è uno stile che non credo possa stimolare coloro che ci leggono a un eventuale confronto con te (figurati poi sotto questa foto). A meno che non sia proprio quello che cerchi.

    Enrico
    Due grandi occhi al centro, che sembrano due fari che tagliano la notte. 
    Un bambino di colore, che indossa una specie di piccolo camice chiaro, e posa le braccia conserte su un ripiano, come u...Vedi altro
    Piace · Risposta · 0 piace questo · Gennaio 1
    repliche _INVALID_TS_
    è necessario connettersi per commentare
  • Pietro Collini
    Pietro Collini ha inserito una nuova foto per il contest
    SOLO...
    è necessario connettersi per commentare
'':
Dissolvenza
Slide
Voti: