Loading...
it

Cavalletti Massimo

Fotografare è illuminare
Il buio che abbiamo dentro.
(Donato Di Poce)

Reazioni

Amici

Mariano Scano
Fiamma Magnacca
Flavia Daneo
Sergio Trezzi
Massimo Fagni
Santo Algieri
Salvatore Rapacioli
Andrea Bondioli
Silvia Pasqual

Foto Album

Gruppi

Condividi

Newsfeed

  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo ha commentato la foto
    Medyana
    Cavalletti Massimo
    Dicembre 4
    Grazie ragazzi della visita. Hai ragione, Andrea. Il braccio disturba anche me e lo stesso posso dire del mancato stacco tra capelli e sfondo. Come vedi ho tentato in fase di "stampa" di crearlo io. Non sono certo un grande esperto di foto in studio, sarà la terza o quarta volta e mai ho avuto la possibilità di gestire la situazione come avrei voluto. Il fatto è che era uno shooting preordinato a cui abbiamo partecipato in 1000 e quindi vi potete immaginare la situazione. Ho chiesto al responsabile di accendere un faretto per i capelli. E' rimasto acceso qualche minuto e poi è stato spento. Peccato perchè la ragazza, disponibilissima, meritava, non solo per la sua bellezza, ma anche per un certo pathos che ogni tanto emanava dallo sguardo. Il bianco e nero. Credo che tu abbia ragione, Salvatore. E' una questione di gusti. Colore e b/n esprimono sensazioni diverse. La ragazza aveva dei bellissimi capelli neri e con questa luce la sua pelle era bianca come la neve per cui mi è piaciuto sottolineare questo contrasto col b/n. Forse in qualche punto potevo effettivamente schiarire maggiormente i capelli, ma devo dire che sul mio schermo riesco ad apprezzare sufficientemente la morbidezza e la voluminosità della chioma. Ciao, Massimo.Grazie ragazzi della visita. Hai ragione, Andrea. Il braccio disturba anche me e lo stesso posso dire del mancato stacco tra capelli e sfondo. Come vedi ho tentato in fase di "stampa" di cre...Vedi altro
    Guido Pucciarelli
    Dicembre 4
    Un ritratto di un viso espressivo e dal fare sensuale. Da quello che vedo al mio schermo posso dire che mi trovo davanti ad una bella proposta in bianco e nero dove il problema del nero su nero dei capelli sullo sfondo mi sembra che sia stato risolto egregiamente in fase di stampa. I capelli si presentano evidenti e luminosi nella parte alta della testa mentre vanno a confondersi con il nero dello sfondo man mano che scendono sulla destra. un saluto, guido.Un ritratto di un viso espressivo e dal fare sensuale. Da quello che vedo al mio schermo posso dire che mi trovo davanti ad una bella proposta in bianco e nero dove il problema del nero su nero dei ca...Vedi altro
    Mario Vani
    Dicembre 4
    Hai capito il Maestro Cavalletti.... Altro che street ! Che bella modella. Un buon b\n che mette in risalto tutta la sensualità dello sguardo. I suggerimenti di Andrea sono tutti condivisibili, ma non so se era una sessione di ritratto preparato oppure una di quelle occasioni che s'incontrano di tanto in tanto nei workshop dove puoi solo provare qualche scatto senza gestire nulla, soprattutto le luci. Comunque, caro Maestro, se ti ricapita fammi un fischio: piacerebbe anche a me provarci (a fotografarla) ! Un abbraccione, Mario Hai capito il Maestro Cavalletti.... Altro che street ! Che bella modella. Un buon b\n che mette in risalto tutta la sensualità dello sguardo. I suggerimenti di Andrea sono tutti condivisibili, ma non...Vedi altro
    è necessario connettersi per commentare
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo ha commentato la foto
    Rubjerg Knude, il faro sommerso
    Cavalletti Massimo
    Dicembre 2
    Ciao Ivan. Ti metto qualche informazione su questo faro. Non è molto, ma non ho trovato di più. I siti che ne parlano sono per lo più in danese e io... E' un posto stupendo, dove tocchi con mano la potenza della natura che in un certo senso sembra ribellarsi all'uomo e alla sua invadenza.Ciao Ivan. Ti metto qualche informazione su questo faro. Non è molto, ma non ho trovato di più. I siti che ne parlano sono per lo più in danese e io... E' un posto stupendo, dove tocchi con mano la po...Vedi altro
    Cavalletti Massimo
    Dicembre 2
    Scusa, partito commento per sbaglio... E' conosciuto come Rubjerg Knudee e sorge su una scogliera a 60 metri sul livello del mare, nel pressi della città di Lønstrup in Danimarca. Il faro venne inaugurato nel 1900 e smise di funzionare nel 1968. Cause della sua dismissione furono l'erosione della costa e le sabbie mobili. La roccia è erosa in media 1,5 metri all'anno, mentre la duna si sposta di 9 metri ogni anno. Accanto al faro in passato c'erano anche una chiesa, un residence e dei piccoli giardini oggi distrutti e inghiottiti dalla sabbia. Dopo il 68, il faro venne utilizzato per diversi scopi, ospitò infatti un museo e una caffetteria, ma l'incessante erosione e l'attività delle sabbie mobili hanno purtroppo sancito la sua definitiva chiusura e abbandono nel 2002, nonostante siano state piantate erbe per contrastare l'innalzamento della sabbia. Oggi il faro ancora resiste alle sabbie mobili, ma non mancherà molto tempo prima che venga totalmente sommerso. Sei in alto a picco sul mare, intorno a te sabbia, acqua e cielo. Ti siedi e ascolti la voce del vento, mentre rifletti sul rapporto tra uomo e natura o più semplicemente sugli affari tuoi. Stupendo!!Scusa, partito commento per sbaglio... E' conosciuto come Rubjerg Knudee e sorge su una scogliera a 60 metri sul livello del mare, nel pressi della città di Lønstrup in Danimarca. Il faro venne inaugu...Vedi altro
    Ivan Catellani
    Dicembre 3
    Ciao Massimo, ti ringrazio per le interessanti informazioni che mi/ci hai dato in merito a questo faro, una storia che fa volare la fantasia e la suggestione immaginando appunto la forza erosiva della natura e certamente gli sforzi dell'uomo per cercare di arginare questo fenomeno, purtroppo senza riuscire ad ottenerlo. Lieta serata. IvanCiao Massimo, ti ringrazio per le interessanti informazioni che mi/ci hai dato in merito a questo faro, una storia che fa volare la fantasia e la suggestione immaginando appunto la forza erosiva della...Vedi altro
    è necessario connettersi per commentare
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo ha commentato la foto di Laura Villani
    Cartolina da Venezia
    paola lorenzani
    Novembre 26
    Due, due...si possono considerare molti elementi che richiamano una certa armonia simmetrica ed una precisone, questaè la caratteristica che rende la foto gradevole e "riposante" . Il bianco e nero arricchisce questa mia impressione, non ci distraggono i colori. Ciao, PaolaDue, due...si possono considerare molti elementi che richiamano una certa armonia simmetrica ed una precisone, questaè la caratteristica che rende la foto gradevole e "riposante" . Il bianco...Vedi altro
    Andrea Di Luzio
    Novembre 27
    Davvero molto bella. Un ottimo gusto per la composizione, unito ad un superbo b/n. Complimentoni
    Cavalletti Massimo
    Dicembre 1
    Ciao Laura. L'elemento gradevole di questa immagine, a mio avviso, è la corrispondenza tra i due lampioni e dei due pettini. Per il resto vado controcorrente e mi perdonerai, spero. C'è una certa confusione visiva dovuta ai troppi elementi sullo sfondo e sul piano intermedio. Delle due gondole, poi, si perdono alcune parti del contorno per la sovrapposizione di nero su nero. Ciao, Massimo.Ciao Laura. L'elemento gradevole di questa immagine, a mio avviso, è la corrispondenza tra i due lampioni e dei due pettini. Per il resto vado controcorrente e mi perdonerai, spero. C'è una certa conf...Vedi altro
    è necessario connettersi per commentare
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo ha commentato la foto di roberto lanza
    Abbiamo tutti un blues da piangere - buona serata ro
    Ivan Catellani
    Novembre 30
    L'artista di strada è lì in centro, è il soggetto della scena, intento nella sua esibizione, ma credo che non siano meno importanti le due figure ai lati del fotogramma, quella signora che velocemente entra in scena contrapposta al manichino sulla sx che seppur statica, sembra uscire di scena, entrambe incuranti della presenza dell'artista. Il taglio a metà delle due figure è l'ulteriore chicca, due figure che fanno da cornice all'artista ed in un certo senso gli stanno rubando la scena. Roberto, l'ho letta correttamente o sono fuori strada? Complimenti, mi piace. Un caro saluto. IvanL'artista di strada è lì in centro, è il soggetto della scena, intento nella sua esibizione, ma credo che non siano meno importanti le due figure ai lati del fotogramma, quella signora che velocemente...Vedi altro
    roberto lanza
    Dicembre 1
    hai letto bene, caro Ivan. la signora è indifferente, passa e non si cura di quel che sta succedendo. Eppure non è un mendicante, ma un artista di strada... ro
    Cavalletti Massimo
    Dicembre 1
    Buona, Roberto. Interesaante, per me, il contrasto tra la passione e l'impegno che rimanda l'espressione assorta e intensa, anche se leggermente comica, del blueman, e la totale indifferenza della signora. B/n di alto livello, come al solito. Ciao, Massimo.Buona, Roberto. Interesaante, per me, il contrasto tra la passione e l'impegno che rimanda l'espressione assorta e intensa, anche se leggermente comica, del blueman, e la totale indifferenza della sig...Vedi altro
    è necessario connettersi per commentare
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo ha commentato la foto di Bruno Puddu
    Isola di Tavolara
    Cavalletti Massimo
    Dicembre 1
    Ciao Bruno. Uno scatto ben giocato in b/n al quale però avrei tolto una parte di nero in basso. Perchè? Per non lasciare una zona che nulla dice in quanto totalmente priva di particolari.
    Cavalletti Massimo
    Dicembre 1
    Ops! Finisco il commento. Per non lasciare la linea dell'orizzonte così centrale e rendere l'immagine un po' meno statica. Ciao, Massimo.
    Bruno Puddu
    Dicembre 1
    Grazie per i commenti, anche il cielo risulta essere insignificante e privo di particolari quanto la parte nera in basso, per questo ho voluto dare lo stesso spazio ad entrambi con l'orizzonte proprio centrale.. bianco e nero
    è necessario connettersi per commentare
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo ha commentato la foto di Stefano De Ferrari
    Cavalletti Massimo
    Dicembre 1
    Ciao, Stefano. Parto dal rapporto tra ciò che si vede nell'immagine e titolo e sinceramente devo dire che il titolo non riesce a salvare un'immagine che già di suo racconta poco e direi nulla di quel Paese. E' probabile che nel momento in cui hai scattato ci fosse una luce particolare che ti ha colpito. Se ne ha sentore guardando lo sfondo che mi sembra particolare. Il fatto è che l'atmosfera creata dalla luce e che tu hai colto sul posto non riesce ad emergere in foto, come spesso accade, e gli elementi presenti poco giustificano lo scatto. Paradossale poi la presenza del titolo che dovrebbe renderci edotti che quel qualcosa di particolare, che non c'è, che vediamo in foto appartiene a un luogo preciso e che non avremmo potuto vederlo in altro luogo. Non sono mai stato a Zanzibar, ma penso che ci siano ben altri soggetti che ci raccontano le peculiarità di quel Paese. Ciao, Massimo.Ciao, Stefano. Parto dal rapporto tra ciò che si vede nell'immagine e titolo e sinceramente devo dire che il titolo non riesce a salvare un'immagine che già di suo racconta poco e direi nulla di quel ...Vedi altro
    Stefano De Ferrari
    Dicembre 1
    Lho fatta nell'ultimo viaggio a Zanzibar e l'ho catalogata cosi'. Indubbiamente che ricordidi Zanzibar non ha nulla,,, Sai non mi riesce ,in generale, dare titoli alle mie foto....e forse capisco il perche' , Grazie delle tue parole.
    è necessario connettersi per commentare
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo ha commentato la foto
    Cavalletti Massimo
    Novembre 27
    Eccoti accontentato. Nel vecchio Maxartis l'avevo pubblicata a colori, ma, nonostante si perda il rosso garibaldesco, la preferisco in bianco e nero.
    Adolfo Fabbri
    Novembre 27
    Beh... anche a colori non è che faccia schifo... Si tratta sempre un bellissimo ritratto, dove la garibaldineria (termine che presto passerà dalla crusca...) esce fuori in modo più chiaro. Sicuramente quella faccia è comunque più adatta al bianconero. Ciao, amicone!Beh... anche a colori non è che faccia schifo... Si tratta sempre un bellissimo ritratto, dove la garibaldineria (termine che presto passerà dalla crusca...) esce fuori in modo più chiaro. Sicuramente...Vedi altro
    Mario Vani
    Novembre 27
    Ciao Maestro, un ritratto da manuale dove traspare la notevole tridimensionalità del volto. Sembra una foto di altri tempi... Complimenti, Mario
    è necessario connettersi per commentare
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo apprezza la foto di Andrea Di Luzio
    Scusate le spalle
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo apprezza la foto di Andrea Di Luzio
    La vetrata 2
    Tiziano Banci
    Novembre 17
    Buona la posa. Un classico. Mi piace l'ambientazione sul retro oltre quella che sembra una struttura leggera. Da raddrizzare le linee in alto che hanno una incurvatura un po' anomala. Buona. Ciao, Tiziano
    è necessario connettersi per commentare
  • Cavalletti Massimo
    Cavalletti Massimo apprezza la foto di Ivan Catellani
    Titolo: Val d'orcia: uno sguardo da Pienza
    Guido Pucciarelli
    Novembre 19
    Non so se è merito dell'ottima situazione di luce che hai trovato o del nuovo obiettivo usato ....ma stai proponendo delle belle vedute ,ben composte ,limpide e pure. Complimenti. Un saluto, Guido.
    Ivan Catellani
    Novembre 20
    Grazie a tutti per le belle parole rilasciate a questa immagine scattata dalla passeggiata sopra le mura di Pienza. La luce era fortissima, quasi frontale e controllarla non era facile, il rischio di averla diretta sulle lenti era facilissimo, attendere oltre il sole sarebbe calato troppo lasciando poi in ombra molte zone, così ho scattato. Merito del risultato è certamente la luce netta e l'ottica utilizzata, un obiettivo del quale ho sempre letto e visto cose di notevole qualità e non posso che confermare, almeno per quanto ho potuto constatare in questi primi scatti, per quanto posso essere capace di spremerlo con i miei limiti. E' naturalmente più impegnativo in termini di peso ed ingombro dello zoomino amatoriale che utilizzavo fino ad ora, ma vedo che ne vale la pena di portarlo al collo. Grazie ancora ed un saluto. IvanGrazie a tutti per le belle parole rilasciate a questa immagine scattata dalla passeggiata sopra le mura di Pienza. La luce era fortissima, quasi frontale e controllarla non era facile, il rischio di ...Vedi altro
    Maurizio Berni
    Novembre 26
    Ciao Ivan, è un pò che manco, ma una rapida visione arretrata mi ha permesso di apprezzare questi ottimi scatti della Toscana, dove ottime compo e luci di taglio ( questa un pò meno riferito alla luce di tag.)valorizzano i tuoi bellissimi scatti, complimenti anche per la vetrina sett. un saluto, Maurizio.Ciao Ivan, è un pò che manco, ma una rapida visione arretrata mi ha permesso di apprezzare questi ottimi scatti della Toscana, dove ottime compo e luci di taglio ( questa un pò meno riferito alla luce...Vedi altro
    è necessario connettersi per commentare
'':
Dissolvenza
Slide
Voti: