Loading...
it

Articoli utenti sul blog

Risultati della ricerca di tag: "fotografia"
teresa zanetti
Lo studio concreto di un ambito fotografico preciso impedisce di parlare de "la fotografia" e impone, al contrario, di riconoscere una diversità di pratiche e di oggetti fotografici che, salvo sacrificarne il tratto distintivo e quello dell'ambito stesso, non possono essere ridotti al termine generico e astratto di "fotografia". La scoperta dello storico si riunisce così a quella del semiologo. I teorici non sono i soli a parlare de "la fotografia": i fotografi stessi, professionisti o dilettanti che siano, e anche i pubblicitari, per le loro campagne promozionali di apparecchi o pellicole fotografici, propongono o riprendono concezioni della fotografia che si fregiano della definizione di  "la fotografia". Il ruolo dello storico, del semiologo, così come quello del sociologo è proprio quello di rivelarne la diversità, di comprenderne le logiche, di precisare la natura delle loro differenze. Da parte nostra, i loro studi ci spronano a ritrovarvi, sotto traccia, un'assiologia* già presente in altri discorsi. E', in effetti, come se l'insieme di tutte queste pratiche potesse organizzarsi a partire dalla contrapposizione tra la concezione della fotografia intesa come ancella di scienze e arti e quella di una fotografia considerata come un'arte a se stante, le cui produzioni hanno in se stesse il loro scopo. Ma questa contrapposizione è vecchia come il discorso stesso sulla fotografia!

Jean-Marie Floch, Les formes de l'empreinte, Pierre Fanlac ed., 1986 (traduzione mia)


*Assiologia: in filosofia "dottrina dei valori", ossia ogni teoria che consideri quanto nel mondo è o ha valore e per tale aspetto si distingue di quanto invece è mera realtà di fatto.

teresa zanetti
Il fallimento rappresenta dunque un problema. Ed è per questo che ci interessa. Nel suo La formazione dello spirito scientifico, Gaston Bachelard dimostra a ragione che "è in forma di ostacoli che bisogna porre il problema della conoscenza scientifica". DI solito, con un ostacolo ci si scontra, è ciò che intralcia l'avanzamento della comprensione. Per Bachelard, al contrario, esso può dimostrarsi un prezioso indicatore dei processi in atto nell'esperienza cognitiva. La conoscenza è "una luce che proietta sempre ombre da qualche parte", ed è percepibili soprattutto grazie a queste. Le ipotesi di Bachelard, largamente confortate dalla psicologia cognitivista o dalle ricerche psicoanalitiche sui lapsus e gli atti mancati, hanno mostrato che esisteva una forma di conoscenza per errore, orientata verso le ombre e gli ostacoli. E' questo il modello epistemolomogico su cui si basa il nostro saggio. Che scommette su quanto segue: è nelle sue ombre, nei suoi scatti errati, nei suoi accidenti e nei suoi lapsus che la fotografia si svela e meglio si lascia analizzare; scommette insomma sull'errore fotografico come strumento cognitivo.

Clément Chéroux, L'errore Fotografico, Einaudi